Rilastil Gravidanza utilizza la tecnologia dei Cookies - tecnici e di terze parti - per offrire la migliore esperienza Web possibile. La navigazione su gravidanza.rilastil.it prevede il consenso spontaneo all'accettazione dei termini e delle condizioni previste.
Per ulteriori dettagli consulta l'apposita pagina.

e scopri i contenuti che ti abbiamo dedicato!

Consiglio di Rilastil: parola agli esperti

Gli esami da fare nei primi mesi di gravidanza

Quanto dura la gravidanza? A che settimana sono? Quando partorirò?Sembrano domande banali, ma capire a che punto siamo della nostra gravidanza ci permette di conoscere quali cambiamenti stanno avvenendo in noi, nel nostro bambino, quali accertamenti medici ed esami deve ricordarsi di fare.Mom to be. Cominciamo con ordine.Per convenzione la gravidanza inizia con la data dell’ultima mestruazione (U.M.) e dura 280 giorni, cioè 40 settimane, poco più di 9 mesi.Scrivi la data dell’ultima mestr...

Quanto dura la gravidanza? A che settimana sono? Quando partorirò?

Sembrano domande banali, ma capire a che punto siamo della nostra gravidanza ci permette di conoscere quali cambiamenti stanno avvenendo in noi, nel nostro bambino, quali accertamenti medici ed esami deve ricordarsi di fare.

Mom to be. Cominciamo con ordine.

Per convenzione la gravidanza inizia con la data dell’ultima mestruazione (U.M.) e dura 280 giorni, cioè 40 settimane, poco più di 9 mesi.
Scrivi la data dell’ultima mestruazione e fai i conti!
Esempio: UM 23-11-2011 aggiungi alla data 7 giorni (23+7=30); ora aggiungi
9 mesi (11+9=20). Se il numero dei mesi è maggiore di 12 dovrai sottrarre 12 per avere il mese della nascita (20-12=8). La Data presunta del parto sarà il 30-08-2012.
In realtà in quella precisa data dell’ultima mestruazione non è ancora iniziata la gravidanza, ma nella futura mamma comincia la maturazione dell’ovocita, la cellula che s’incontrerà dopo 14 giorni con lo spermatozoo del papà e solo allora dalla loro unione inizierà veramente la gravidanza.
Quando la gravidanza si annida nell’utero materno inizia una comunicazione diretta tra madre e figlio attraverso segnali biochimici.
L’ormone Beta HCG (Gonadotropina Corionica Umana) è la sostanza prodotta dal trofoblasto (il tessuto che si forma nell’ovocita fecondato e che si trasformerà nella placenta).
Questo ormone non provoca solo modificazioni uterine, ma si riflette su molte altre attività corporee.
Nel primo trimestre di gravidanza, tutte le modificazioni corporee che la gravidanza induce sono programmate per permettere un buon annidamento del vostro piccolo.
Il bambino ha bisogno di mettere solide radici, e il corpo materno ha bisogno di più tempo, più riposo, più sonno.
Abbiamo detto che la gravidanza inizia nel momento in cui lo spermatozoo incontra l’uovo maturo nella tuba e lo feconda. L’uovo fecondato è poi trasportato nell’utero ad opera delle cellule ciliate, che coprono le pareti interne della tuba uterina. L’ovulo rimane nell’utero sospeso per alcuni giorni e prende successivamente contatto con la parete uterina.
Solo in questa fase, dopo il 21°- 22° giorno del ciclo, inizia la produzione di Beta HCG: l’ormone della gravidanza.
La sua presenza nelle urine o nel sangue della mamma ci permette di riconoscere l’inizio di una gravidanza prima che il sacco gestazionale in utero sia visibile all’ecografia.
Così la quantità di questo ormone nel sangue materno può aiutarci a capire il buon andamento della gravidanza nelle primissime fasi.

A cosa serve l’ormone Beta HCG?
Abbiamo detto che è un messaggero e deve assolutamente comunicare con l’ovaio materno.
Infatti, l’ormone Beta HCG stimola il corpo luteo (cioè il tessuto che resta sull’ovaio dopo l’ovulazione) a produrre grandi quantità di progesterone.
Il progesterone modificherà il tuo corpo per accogliere e sostenere il tuo bambino. La prima conseguenza è che non avrai le mestruazioni per tutto il periodo in cui il tuo bimbo resterà nell’utero e anche durante l’allattamento.
Avrai più sonno perchè il tuo corpo si sta impegnando in un grosso lavoro, la digestione rallenterà per permetterti di assimilare di più, cambieranno i sapori, la pelle e i capelli diventeranno bellissimi!
Insomma il tuo organismo si attrezzerà per nutrire il tuo bambino e permettergli di nascere quando sarà autonomo.

Continua a leggere
Gli esami da fare nei primi mesi di gravidanza
Torna agli articoli delle altre tematiche