Rilastil Gravidanza utilizza la tecnologia dei Cookies - tecnici e di terze parti - per offrire la migliore esperienza Web possibile. La navigazione su gravidanza.rilastil.it prevede il consenso spontaneo all'accettazione dei termini e delle condizioni previste.
Per ulteriori dettagli consulta l'apposita pagina.

e scopri i contenuti che ti abbiamo dedicato!

In vacanza: un mini dizionario per le donne in dolce attesa

In vacanza: un mini dizionario per le donne in dolce attesa

R come Riposo. Il riposo in gravidanza è un momento fondamentale, nonché una buona abitudine da conservare anche dopo la nascita del bebè. Dedicare del tempo a se stesse, concedersi degli istanti di quiete e rilassatezza sono abitudini importanti non solo per il benessere del corpo e per il recupero delle energie, ma anche per sciogliere i nodi di apprensione e preoccupazione per l’avvenire che spesso attanagliano le future mamme. P come Pausa. Se sentiamo il bisogno di prenderci una pausa ...

R come Riposo. Il riposo in gravidanza è un momento fondamentale, nonché una buona abitudine da conservare anche dopo la nascita del bebè. Dedicare del tempo a se stesse, concedersi degli istanti di quiete e rilassatezza sono abitudini importanti non solo per il benessere del corpo e per il recupero delle energie, ma anche per sciogliere i nodi di apprensione e preoccupazione per l’avvenire che spesso attanagliano le future mamme. P come Pausa. Se sentiamo il bisogno di prenderci una pausa o avevamo programmato un viaggio lontano prima di scoprire il lieto evento, non preoccupiamoci, in gravidanza si può viaggiare in tutta sicurezza e senza correre rischi per la nostra salute o per quella del nostro bambino, con le dovute attenzioni e sempre dopo aver consultato il medico di fiducia. In generale, il periodo migliore per viaggiare è quello del secondo trimestre di gravidanza: una fase nella quale, per la maggior parte delle donne, nausee e altri fastidi si attenuano o scompaiono. Mano a mano che si avvicina la data del parto, meglio evitare viaggi troppo lunghi. A come Aereo. Molte compagnie aeree chiedono la presentazione di un certificato medico al momento dell'imbarco che attesti lo stato di salute della donna e alcune di esse non permettono di viaggiare a donne in stato interessante che abbiano superato il settimo mese di gravidanza. Un rischio, infatti, per le donne in gravidanza all’ultimo trimestre in caso di lunghi viaggi in aereo potrebbe essere la flebotrombosi, per cui, durante il viaggio, è consigliato alzarsi spesso, muoversi il più possibile e indossare un abbigliamento comodo. M come Mezzo di Trasporto. Per gli spostamenti in linea di massima si possono scegliere tutti i mezzi di trasporto, con qualche accortezza: in nave si potrebbe acuire, soprattutto nel primo trimestre, la sensazione di nausea tipica delle donne in stato interessante; in auto il suggerimento è quello di suddividere il viaggio in più tappe che consentano alla futura mamma di riposarsi, di utilizzare la toilette e di sgranchirsi le gambe; il treno è sicuramente il mezzo più comodo: l’utilizzo del bagno è sempre garantito, e ci si può muovere tranquillamente tra le carrozze per riattivare la circolazione. Inoltre, molti treni sono forniti di un vagone ristorante. K come Kit. A tal proposito, ogni futura mamma potrà pensare a un kit da viaggio da portare sempre con sé: indispensabili sono acqua fresca, biscotti secchi o cracker che possono aiutare in caso di nausea, salviette rinfrescanti, fermenti lattici, un ventaglio, una saponetta, una crema con filtri solari alti (almeno protezione 30) in occasione di vacanze al mare, ma anche in montagna o campagna, la tessera sanitaria e la cartella medica da esibire in caso di necessità. E come esotico. La maggior parte delle mete esotiche sono sconsigliate per donne in stato interessante, non solo per le lunghe ore di viaggio ma soprattutto a causa delle vaccinazioni, consigliate o obbligatorie, necessarie per raggiungere questi paesi. Molte di queste vaccinazioni sono controindicate in gravidanza e potrebbero minare la salute del bambino e quella della mamma. Fatti consigliare sempre dal tuo ginecologo! T come Tu. La gravidanza è un momento della vita bellissimo e unico, uno stato di grazia: se hai bisogno di una vacanza, nulla, se non tu, ti impedirà di trascorrere qualche giorno di relax in solitudine (ma sempre in luoghi con una struttura ospedaliera vicina) o con le persone che ami.

Continua a leggere
In vacanza: un mini dizionario per le donne in dolce attesa
Torna agli articoli delle altre tematiche